amori romantici scena notting hill
Relazioni

Amori romantici e cinema, quello che i film non ti dicono sull’amore

on
Ottobre 21, 2018

È facile da credere, gli amori romantici nei film sono abbastanza diversi dagli amori romantici nella vita reale.

Se hai mai visto una commedia romantica avrai sicuramente familiarità con scene di dichiarazioni d’amore in pubblico, corse all’impazzata verso l’aeroporto, baci appassionati sotto la pioggia.

Ti sarà anche capitato di vedere una di quelle scene dove due sconosciuti si incontrano per la prima volta in un luogo affollato e tutt’ad un tratto l’universo intorno si ferma, violini iniziano a suonare, gli occhi si riconoscono, come se sapessero che da quel momento in poi nulla sarà più come prima.

Insomma, gli amori romantici sullo schermo hanno un’intensità e una bellezza che riesce a farci sognare, sperare che un giorno la stessa cosa possa capitare a noi.

La nostra percezione dell’amore viene così influenzata, le nostre aspettative si elevano fino a che nessuna relazione che non prometta un “…e vissero felici e contenti” sarà accettabile.

Quanto sono realistici gli amori romantici nei film?

Ma quant’è plausibile questa visione? Quant’è realistica questa speranza?

A mio parere, uno dei fattori che a volte rendono difficile vivere amori romantici nella vita reale è la concezione stessa che abbiamo di essi, soprattutto a causa del modo in cui ci vengono presentati nei film.

Prendiamo la classica commedia britannica “Love Actually” per esempio.

In essa ci sono diverse storie d’amore, e tutte nascono senza che ci sia nessun dialogo, senza che venga approfondita la conoscenza dell’altra persona.

  • Uno scrittore s’innamora della donna delle pulizie pur non parlando la sua stessa lingua. Quando, successivamente, impara un po’ di portoghese, lo fa per chiederle di sposarlo.
  • Il primo ministro inglese (Hugh Grant) si innamora dell’assistente appena dopo averle stretto la mano.
  • Un bambino si innamora della ragazza più popolare della scuola senza che lei sappia nemmeno della sua esistenza, e suo padre (Liam Neeson) rimane fulminato dalla madre di un compagno di scuola (Claudia Schiffer) subito dopo essersi presentati.
  • Un fotografo è follemente innamorato della moglie del suo migliore amico pur non non essendole mai stato amico. Alla fine le dichiara il suo amore sulla porta di casa sua, la vigilia di natale, mentre il marito è nell’altra stanza.
Amori Romantici - love actually

Leggi anche: Cosa succede quando si impara ad ascoltare il cuore

Il rischio di credere agli amori romantici che ci mostra il cinema

La lezione che se ne trae da film del genere è che l’amore è sostanzialmente una questione di attrazione fisica, un sentimento irrazionale che ti travolge senza che tu possa controllarlo, qualcosa che, nella sua forma più vera, dura in eterno e “riempie” la tua esistenza.

Il rischio di adottare una visione del genere è che potrebbe farci andare fuori stradadistorcere le nostre aspettative e rendere più difficile riconoscere un tipo di amore diverso, un amore più vero, più reale.

Perché in verità l’amore non è soltanto un sentimento, non è eternamente passionale, non è solo attrazione fisica, non monopolizza l’intimità delle relazioni, non fa sentire perennemente apprezzati e amati, non fa sentire automaticamente inclusi e meno soli. 

Un amore che rispettasse questi presupposti sarebbe un amore troppo bello per essere vero, un amore che non richiederebbe nessuno sforzo, un’amore piatto e mono-dimensionale.

Sarebbe sostanzialmente la versione adulta e romanticizzata dell’amore incondizionato che speravamo di avere o che abbiamo avuto da piccoli dai nostri genitori.

Da grandi, invece, l’amore diventa la somma di due desideri, di due bisogni diversi, il nostro e quello dell’altra persona. Diventa una promessa reciproca, la promessa di tenere a bada la tendenza tutta umana di pensare solo a sé stessi. 

E sta qui la difficoltà più grande.

È questa la parte di storia che i film romantici non sempre ti fanno vedere, la sfida che inizia dopo la fase della conquista, dopo il primo “ti amo”, dopo i titoli di coda.

amori romantici - scena pretty woman

Leggi anche: Cos’è l’amore e quando si ama veramente

Quello che i film romantici non ti dico sull’amore

Quello che i film non ti dicono è che dopo aver detto “ti amo” per la prima volta bisogna trovare il modo di continuare a dimostrarlo.

Che dopo il primo bacio o la prima notte insieme bisogna impegnarsi per mantenere viva l’intimità.

Che l’attrazione fisica non basta a mantenere vivo un rapporto, che serve anche avere valori in comune, un simile senso dell’umorismo, una simile visione della vita, un obiettivo condiviso, simili interessi.

Quello che i film non ti dicono è che le liti spesso nascondono un bisogno frustrato non espressamente comunicato, e che si ripetono fino a quando questo bisogno non verrà rispettato e soddisfatto.

Che il tuo partner non è perfetto e che non lo sei nemmeno tu. Che ti sentirai solo/a di tanto in tanto, che dovrai imparare a comunicare le tue frustrazioni senza incolpare prima di pretendere compassione.

Quello che i film non ti dicono è che l’amore nella vita reale è complesso, a volte più banale, ma nel complesso molto più vero, molto più bello.

Non ti dicono che le aspettative vengono spesso disattese quando si pretende che debba essere l’altro a comprenderci e a doversi prendere cura di noi.

Non ti dicono che il romanticismo è importante ma che bisogna anche pensare alle  piccole cose pratiche che aiutano a vivere meglio la relazione, come trovare il tempo da dedicare all’altro, ascoltarlo, dare peso ai suoi desideri, anche quando non coincidono con i nostri.

amori romantici - 500 days of summer
Amori romantici: dal film (500) giorni insieme

Il romanticismo estremo può uccidere l’amore vero

È significativo che, nonostante i buoni propositi e le promesse di amore eterno, i matrimoni durino in media 17 anni.

Ed è ancora più significativo che le coppie che si sposano a San Valentino abbiano più probabilità di divorziare rispetto e quelle che scelgono un’altra data.

Ci fa capire che (statisticamente) più peso si dà al romanticismo estremo e meno si sarà in grado di risolvere i problemi quando arriveranno.

Ci fa capire che c’è una linea di seprazione tra le risoluzioni e le azioni, tra le intenzioni e la realtà dei fatti a lungo termine, tra quello che si vorrebbe l’amore fosse, e quello che è.

C’è forse la necessità di una rivalutazione dell’amore dunque, un modo diverso di vedere le cose che aiuti a vivere il rapporto in modo più consono a quella che è la realtà delle dinamiche relazionali.

Il punto centrale qui è che ci si aspetta troppo dall’amore e troppo poco da sé stessi.

Si tende ad addebitare le colpe dei fallimenti e delle incomprensioni all’altro, o alla mancanza di amore, e ci si dimentica di valutare, di prendere decisioni e, soprattutto, di assumersi le proprie responsabilità.

Infine, il romanticismo estremo ci impedisce di apprezzare appieno la quotidianità e l’ordinarietà dell’amore, senza le quali non può esserci nessuna relazione duratura e solida.

È ovvio che i film possono mostrare solo i punti salienti di una storia, che non possono mostrare i momenti più blandi di una vita di coppia come il fare la spesa insieme o il passare una sera in pigiama davanti la TV.

Eppure nella vita reale sono questi i momenti più importanti, quelli che rappresentano la parte più consistente di una storia.

Se non si impara a stare bene con una persona quando non c’è nulla di straordinario o romantico attorno a noi, allora l’amore sarà qualcosa che si potrà vivere e immaginare solo nei film.

Lettura super consigliata: L’arte di amare di Erich Fromm

TAGS
RELATED POSTS

LEAVE A COMMENT

Libro
Cerca
Pubblicità